Le più belle spiagge di Puglia tra Polignano e Ostuni

Chiunque pensi di conoscere bene la Puglia si sbaglia, c’è sempre qualcosa da scoprire. Un esempio sono le spiagge e gli scogli tra le insenature della costa del barese e del brindisino. L’alternanza di spiagge e scogli soddisfa le esigenze più disparate: chi vuole sdraiarsi comodamente sotto l’ombrellone o giocare con i propri bimbi potrà andare in vacanza anche con chi ama tuffarsi da ripide scogliere o fare immersioni.

La zona balneare è facilmente raggiungibile dal B&B Lamie di Olimpia grazie alle vicine SS16 e SS379. Di un bagno piacevole si può godere nelle acque di Monopoli in località Capitolo (15km) tra spiagge sabbiose e ricche di servizi oppure tra gli scogli, oasi di pace e tranquillità. Altrettanto belle sono quelle di Savelletri (14km – Fasano) e Rosa Marina (26km – Ostuni).

Ideali per le famiglie con bambini sono le spiagge di Torre Canne (20 km – Fasano) dove l’acqua è molto bassa per diversi metri. La frazione di Torre Canne è ricca di servizi (centri termali, farmacia, supermercati, negozi, parco giochi, bar, ristoranti, ecc.) ed è ben collegata a Locorotondo con gli autobus FSE.

La Marina di Ostuni, rappresenta una delle località di maggiore attrazione turistica balneare della Puglia. Gode di 20 km circa di costa bagnata da un mare cristallino, in cui si alternano lunghe spiagge con dune e macchia mediterranea, calette sabbiose e costa rocciosa. Tutta la costa è un susseguirsi di stabilimenti balneari, campings e ambienti naturalistici: Lido Bosco Verde, Lido Morelli, Pilone, Rosa Marina, Diana Marina, Villanova, Costa Merlata, Baia Santa Lucia, Torre Pozzelle e Lamaforca.

Spostandosi verso nord, da non perdere assolutamente per il suo mare spettacolare è anche la più conosciuta Polignano a mare, particolarmente Cala Paura e la famosa spiaggia, sotto il ponte, scenario di set cinematografici.

Proseguendo verso sud lungo la litoranea adriatica, troviamo la Riserva Naturale di Torre Guaceto, costituita da un’area di circa 1000 ettari; intorno ad una torre cinquecentesca sorgono boschi, spiagge, cordoni dunali, paludi e piccoli corsi d’acqua. Il litorale di Torre Guaceto è di notevole importanza nel mosaico della diversità biotica delle coste salentine. Il suo habitat naturalistico ricco di specie pregiate rientra nell’elenco delle Aree Marine Protette istituite dal Ministero dell’Ambiente. Per proteggere questo tratto di costa pugliese sono state selezionate quattro zone di tutela. Solo in alcune spiagge della zona B sono consentite attività di balneazione dall’alba al tramonto; tra queste l’ area di Punta Penna Grossa, situata sulla costa adriatica dell’alto Salento, è caratterizzata da una grande varietà di ambienti costieri dove spiagge, dune e macchia mediterranea si succedono lasciando il passo a zone di costa bassa e rocciosa.

Come in ogni angolo di Puglia che si rispetti, anche qui gli amanti della buona tavola non resteranno delusi: i piatti a base di pesce vi conquisteranno!